FAD - Formazione continua

Venerdi 25 lug 2014 - Test 2014/140 - Privacy - A cura di Dr. Balestro Francesca

Job Opportunities

26 luglio 2014

Cura odontoiatrica ed efficienza dello studio

Produrre un bene ed erogare un servizio hanno in comune una cosa: dare la risposta alle esigenze e ai desideri di un cliente. Vediamo le differenze. Il bene viene prodotto indipendentemente dalla presenza del cliente; può essere fatto un prototipo che garantisca la funzionalità e il rispetto delle specifiche; il cliente non sarà al corrente di un eventuali beni difettosi da buttar via.  Molto diverso è il caso del servizio: si realizza grazie alla presenza del cliente, che entra nel processo di erogazione, da soggetto attivo. Il suo contributo è necessario e consistente, al punto da creare la dizione "co-attore", alla stregua del personale. Risulta evidente un limite: non si può fare un prototipo, il servizio va in diretta! Ciò significa che il cliente vede tutto, anche le cose che non funzionano. Prodigarsi di scuse pretendendo indulgenza... è solo una toppa!
Costumi inadeguati
Purtroppo nel mondo dei servizi manca la sensibilità e la cultura verso la progettazione, impegno connaturato nel mondo manifatturiero. È possibile dare una spiegazione: mentre gli sprechi e i beni difettosi si vedono, le carenze e le inadempienze nell'erogazione di un servizio non hanno una traccia così tangibile, ragion per cui passano in silenzio. L'analogo del bene difettoso nei servizi è rappresentato da eventi del tipo: ritardi, errori, ripetizione di attività, assenza di documentazione, informazioni lacunose, infrastruttura incompleta, mancanza di supporti, etc. In altre parole: disservizi. L'evento negativo non lascia una traccia fisica ma è certamente reso palese e noto al cliente, che vede e trae le debite valutazioni.
Alternativa
"La prima impressione è quella che conta" dicevano i saggi anziani: vale anche nei servizi. Un'attenta progettazione riduce al massimo il rischio di infelici carenze. È una progettazione organizzativa, diversa da quella di un bene, focalizzata su tanti elementi. Su questo albero portante si inseriscono gli altri: supporti, infrastrutture, comunicazione verso il cliente, attrezzature, etc. Il tempo e l'impegno dedicati alla progettazione ripagano. Costituiscono una sorta di anteprima, che permette di gestire le situazioni impreviste con serenità. Progettare il servizio è come mettere a punto le ruote prima di un viaggio! [Fonte]

25 luglio 2014

Morso crociato anteriore

Dal Lag. Martina - 7 anni
Morso crociato anteriore
Dopo 12 mesi di cura
Terapia ortodontica fissa
Presentazione del caso clinico
__________________________________________
A cura di Dott. Balestro Francesca e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Arianna, Elena

24 luglio 2014

È tempo di engagement

«Il perdurare della crisi ha avuto importanti riflessi all’interno delle organizzazioni aziendali soprattutto per quanto riguarda nuovi valori e nuove modalità nel rapportarsi con le persone. Da qui, la necessità dei responsabili HR di affrontare nuove esigenze e rimodellare disegni e modelli relazionali. Ecco quindi l’importanza sempre maggiore del motivare i dipendenti con argomenti e strategie che vanno oltre la retribuzione; creare una fidelizzazione importante dei talenti migliori; gestire le competenze e l’esperienza dei senior; prestare attenzione a una corretta pianificazione delle carriere, seguendo il principio che un ambiente di lavoro ottimale è un elemento competitivo in grado di favorire la crescita non solo professionale, ma anche personale e umana delle persone, e questo si traduce, a sua volta, in potenzialità di sviluppo e crescita anche a livello aziendale», con queste parole Alessio Tanganelli, Country manager Italia di Top Employers Institute, spiega la crescente attenzione nei confronti dell'engagement che è stata messa in evidenza proprio da Top Employers. Una loro ricerca dimostra come le cinque priorità aziendali siano, in ordine di importanza: engagement, cambiamento culturale e organizzativo, gestione del talento, sviluppo della leadership, apprendimento e sviluppo. La ricerca inoltre mette in evidenza come l'attenzione nei confronti della carriera riguardi ora tutti i diversi livelli, mentre prima era una caratteristica delle posizioni più alte. Lo sviluppo dell'engagement va di pari passo con la comunicazione aziendale, sono sempre di più, infatti, le aziende attenta a far conoscere i loro valori e a comunicarli nel giusto modo. Il modello etico entra a far parte di ogni categoria, aiutando uno sviluppo armonico delle aziende. Fonte Manageronline 24 lug 2014

La rubrica dei lettori

I lettori ci scrivono
____________________________________

24 lug 2014
Gentile Dr. Balestro, sono in procinto di lasciare il mio lavoro per pensionamento. Ci tenevo a porgerle tantissimi saluti nonchè augurarle una buona continuazione. Di lei porterò il ricordo di un professionista serio, preparato e generoso. Arrivederci e buon lavoro. Cecilia.

14 lug 2014
D.D. - Sono una signora di quasi 50 anni, divorziata con 2 figli. Da qualche mese ho perso il lavoro e ne ho così approfittato di questo periodo di mobilità per formarmi in una professione più gradita della precedente. Sto infatti frequentando un corso di formazione per assistente di studio odontoiatrico presso la scuola di formazione Atena di Padova. Il corso finirà a breve e sono previste 40 ore in aula e solo 4 ore di pratica presso uno studio dentistico. Sto quindi cercando un professionista disposto ad offrirmi periodo di stage/tirocinio in modo di acquisire le competenze necessarie per avviarmi con sicurezza alla professione di ASO. Essendo i miei figli ormai adulti e indipendenti non ho problemi di orario e posso garantire la massima disponibilità.

08 lug 2014
F.S. - Professore Associato di Chirurgia Maxillo-Facciale - Università degli Studi di Padova. Caro Giuseppe, grazie della email. Capisco le motivazione delle tue scelte. Rimango a disposizione per qualsiasi cosa; mi ha fatto piacere rivederti e vedere il tuo studio, molto professionale. Adesso so dove mandare i pazienti in provincia di Vicenza! Ciao.

27 giu 2014
N. G. Buongiorno, sono una Vostra paziente. Ho visto ora sul sito che è possibile avere uno sconto del 10% sul preventivo se si paga tutto in anticipo. E’ possibile anche per me che devo fare un impianto ? In attesa di una Vs. cortese risposta, porgo distinti saluti. 
Risponde Perucchi Evelin - Responsabile della Segreteria - Confermiamo che per prestazioni odontoiatriche eseguite nelle mattinate di giovedi e/o venerdi (ore 9-12) è previsto uno sconto immediato del 10% sul preventivo complessivo. Uno sconto analogo (10%) si può ottenere in qualunque giorno della settimana in caso di pagamento anticipato dell'intero importo preventivato. Le due modalità non sono, ovviamente, cumulabili.

Mettersi d’accordo sui tempi. L’azienda prova il modello «agile»

L’arma sempre meno segreta della conciliazione? È il welfare aziendale. Solo in Lombardia la Cisl ha contato nel 2013 oltre 60 intese aziendali che hanno l’obiettivo di mettere d’accordo famiglia e lavoro. Secondo un’indagine del laboratorio di ricerca Secondo Welfare, il 95% delle imprese è interessato a mettere in atto politiche di conciliazione. Perché? «Il dipendente che lavora bene è anche più produttivo. E non si sprecano risorse preziose», valuta Cetti Galante, che come amministratore delegato di Intoo (Gi Group) propone alle aziende pacchetti di misure per incentivare i dipendenti a non mollare davanti alla sfida del doppio impegno tra casa e ufficio«Il welfare aziendale è uno strumento che va oltre la pura retribuzione e l’incentivo economico. Non solo soldi ma servizi. Questo migliora la cultura organizzativa e rende l’ambiente di lavoro più sostenibile», aggiunge Anna Zattoni, direttore generale di Valore D. Per quanto riguarda i contenuti degli accordi, la nuova frontiera è il lavoro agile, cioè la possibilità di scegliere in autonomia se lavorare da casa o dall’ufficio. Le aziende che stanno scegliendo questa strada sono sempre di più: Vodafone, Abb, Sanofi, Osram per fare solo qualche esempio. Ma c’è anche un altro aspetto della questione. Oltre il 90% delle imprese italiane ha meno di 15 dipendenti. Quindi, in prospettiva, la vera sfida sarà la messa in rete delle piccole imprese dei vari territori. Per metterle in condizione di proporre ai dipendenti veri e propri pacchetti di servizi. Fonte Corriere.it - 24 lug 2014

23 luglio 2014

Smile for Children

Smile for Children

23 luglio 2014
Carissimo Giuseppe, ormai i progetti programmati lo scorso anno sono quasi terminati, così stiamo predisponendo quelli da attuare il prossimo anno. Ora in Sierra Leone è il culmine della stagione delle piogge, per cui molti villaggi non sono raggiungibili. Solo a novembre, quando le piogge cominceranno a diminuire, si potrà iniziare sia lo scavo di nuovi pozzi che la costruzione di nuove scuole. Fra i vari progetti avrei da proporti la partecipazione alla costruzione di una scuola secondaria nel villaggio di AlikaliaCome vedrai dalla carta topografica il villaggio si trova nel nord-est della provincia del nord della Sierra Leone. Per raggiungere il villaggio di Alikalia partendo da Makeni, bisogna salire verso nord per 85 miglia fino al villaggio di Makakura, dove abbiamo costruito la scuola secondaria lo scorso anno e da qui procedere in mezzo ai monti per altre 45 miglia. Qualche anno fa, in questo villaggio un missionario aveva costruito una piccola scuola primaria. Ora gli abitanti per non dover mandare i figli a frequentare una scuola secondaria troppo lontano dal villaggio, hanno deciso di costruire essi stessi la scuola secondaria. Con i pochi mezzi a disposizione hanno costruito sei aule, due fatte di frasche, due costruite con lamiere e due ricavate nella vecchia scuola primaria. Ciò che vedi nelle foto è il complesso scolastico frequentato da oltre duecento bambini. Il preside della scuola, il capo villaggio e la missione cattolica ci hanno chiesto di dar loro una mano ad avere un edificio degno di essere chiamato scuola e noi, "Amici della Sierra Leone", facciamo appello a tutti i nostri sostenitori di darci una mano a raggiungere l'obiettivo. Ciao Adriano Cugini. Presidente della Associazione Amici della Sierra Leone
02.jpg
01.jpg
03.jpg
04.jpg
05.jpg

22 luglio 2014

Affollamento dentale

Sca. Chiara - 14 anni
Affollamento dentale
Dopo 24 mesi di cura ortodontica
Terapia ortodontica fissa
Presentazione del caso clinico
__________________________________________
A cura di Dott. Balestro Francesca e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Arianna, Elena