Orari dello SDB

Lunedi e Martedi 12-20 / Mercoledi, Giovedi e Venerdi 9-17 / Sabato 9-13

FAD - A cura della Dr.ssa Balestro Francesca

27 feb 2015 - SLC/HSE-3

Lavora con noi

Inviaci il tuo CV compilando i form - Clicca qui

26 febbraio 2015

Emergenze mediche nello studio odontoiatrico

Anafilassi
L'anafilassi è una grave reazione di ipersensibilità a cibi, farmaci e veleni naturali (es. imenotteri). E' indispensabile individuarla rapidamente, attivare la catena del soccorso (118) ma anche attivare immediatamente alcune procedure. Quello che vi proponiamo è uno schema gestionale semplificato:
  • Paziente semiseduto
  • 118 - Chiamata - Istruzioni
  • Adrenalina 0,5 mg (mezza fiala da 1 mg - da conservare in frigo) intramuscolo: parte anterolaterale del terzo medio della coscia o muscolo deltoide del braccio o regione glutea. Può essere ripetuta dopo circa 5 minuti
  • Ossigeno ad alto flusso (12-15 mi/h)
  • Idrocortisone 200 mg intramuscolo o endovena lento (es.: Flebocortid fiale da 100 mg o da 500 mg sia intramuscolo)
  • Infusione rapida endovena di soluzione fisiologica: 500-1000 cc
  • Monitorare la risposta con controllo dei parametri vitali: frequenza cardiaca, pressione arteriosa, attività respiratoria, stato di coscienza, etc... Se disponibile, applicare pulsiossimetro.
Certificato BLS-D 
Continuing Education
  • 26 mar 2014 - Dr. Andrea Quarello - ULSS 5 Ospedale di ValdagnoIncontro di formazione teorico-pratico per tutto il Personale - Basic Life Support and DefibrillationSimulazione di emergenze sulla poltrona del dentista - Orario di lavoro: 17-19
  • 04 dic 2013 - Dr. Andrea Quarello - ULSS 5 Ospedale di ValdagnoIncontro di formazione teorico/pratico per tutto il Personale - Linee guida per la gestione del paziente in terapia anticoagulante e antiaggregante che necessita di trattamento odontoiatricoSimulazione di emergenze sulla poltrona del dentista - Orario di lavoro: 17-19
  • 04 set 3013 - Dr. Andrea Quarello - ULSS 5 Ospedale di ValdagnoIncontro di formazione teorico/pratico per tutto il Personale - Simulazione di emergenze sulla poltrona del dentistaOrario di lavoro: 17-19
  • 05 giu 2013 - Dr. Andrea Quarello - ULSS 5 Ospedale di ValdagnoIncontro di formazione teorico/pratico per tutto il Personale - Simulazione di emergenze sulla poltrona del dentistaOrario di lavoro: 17-19
Quaderni dello SDB
Video

Malocclusione di classe 2/2

Per. Fabio - 13 anni
Malocclusione di classe 2/2
Terapia ortodontica fissa
Dopo 24 mesi di cura ortodontica fissa
Video YT
__________________________________________
A cura di Dott. Balestro Francesca e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Arianna, Elena, Cristina e Giada

Ergonomia nello Studio Odontoiatrico

Ergonomia posturale nello studio odontoiatrico
Lavorare in modo rilassato favorisce la concentrazione e crea un clima disteso durante il trattamento. Con un effetto collaterale positivo: più siete rilassati, più siete gradevoli per il paziente. Una postura corretta, quindi, è il fondamento essenziale per operare senza stress. Solo una posizione neutra e diritta del corpo consente un lavoro rilassato, riduce il carico statico per i muscoli, le articolazioni e i dischi intervertebrali, assicurando nel contempo la circolazione sanguigna ottimale. Tutti questi fattori sono il requisito imprescindibile per un lavoro non troppo stancante, per un maggior benessere e per una forma fisica migliore. Insomma, per una migliore qualità della vita! leggi tutto
Ufficio liquido, quando il benessere aumenta la produttivitàNon un costo ma un investimento, lo spazio di lavoro è sempre più rivalutato esteticamente, rafforzando la relazione tra ufficio e identità aziendale. «Un nuovo umanesimo nel design da ufficio», così il creativo francese Erwan Bouroullec spiega il rapporto che esiste tra ambiente di lavoro e benessere del lavoratore. Aldilà della filosofia, sono le ricerche di Assufficio a darne conferma: le aziende che investono nell'arredo hanno risultati sei volte superiori rispetto a quelle che non si rinnovano e aumentano del doppio la redditività. leggi tutto
_____________________________________________________

25 febbraio 2015

SSL - Stress Lavoro Correlato

SLC - Stress Lavoro Correlato
SLC - DVR - Stress Lavoro Correlato - SDB 2014 
Aggiornamento del DVR/SLC
Il DVR SLC deve essere aggiornato ogni tre anni, come riportato nelle indicazioni fornite dall'INAIL. Nel 2008 Il Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro ha introdotto l'obbligo di valutare tutti i rischi per i lavoratori, compreso quello legato allo stress lavoro-correlato. Lo scopo della valutazione del rischio stress lavoro-correlato è quello di ridurre tale rischio attraverso l'analisi di indicatori oggettivi e l'eventuale rilevazione delle condizioni di stress percepito dai lavoratori. Tale valutazione deve essere effettuata dal DdL, coinvolgendo RSPP, Medico Competente (ove nominato) e RLS per la Sicurezza (ove eletto). Il DdL deve valutare il rischio stress lavoro-correlato in conformità a quanto previsto dalle linee guida della Commissione Consultiva Ministeriale del 18.11.10. Poichè, in particolare, l'analisi degli indicatori oggettivi (es. numero di infortuni/anno, giorni/anno di assenza per malattia, rotazione del personale, ecc) inclusa nella valutazione fa riferimento all'andamento di tali indicatori nel corso di un triennio, si può ragionevolmente ritenere corretta una nuova valutazione trascorsi tre anni dall'ultima valutazione effettuata, come riportato nelle indicazioni fornite dall' INAIL.
Agenzia Europea per Sicurezza e Salute sul Lavoro
Guida elettronica alla gestione dello stress e dei rischi psicosociali
Guida alla gestione dello SLC e dei rischi psicosociali - Quaderni dello SDB - 2015

Management in Odontoiatria


Disinfezione e Sterilizzazione nella pratica odontoiatrica

Disinfezione e Sterilizzazione. Linee Guida Nazionali
Disinfezione e Sterilizzazione nella pratica odontoiatrica
Sterilizzazione. Quaderni dello SDB - 2015

Bibliografia
ARSS Emilia Romagna. Cure pulite sono cure più sane. 2013 
Altea P. Sterilizzazione, un processo dinamico. Il Dentista Moderno 2008;1;10
Balsano L. Sterilizzazione nello studio odontoiatrico. Il Dentista Moderno 2005;4:23
Docenti AIDI. The prevention of infections in dental ambulatory. Prev. Ass. Dent. 2006;1:7
Forum. La sterilizzazione in ambito odontoiatrico. Il Dentista Moderno. 2006;5:44
Guggenheim B. Sistema completo per il lavaggio, la predisinfezione e la sterilizzazione di strumenti odontoiatrici e chirurgici. Prev. Odontostom. 2005;3:4
Montagna MT. Rischio biologico in odontoiatria: quali conseguenze. Il Dentista Moderno 2006;8:138
Nardi GM. Decontaminazione e sterilizzazione chimica a freddo con il dispositivo medico Perasafe. Agorà Odontoiatrica 2005;2:26
Nardi GM. L'ambulatorio dentistico come area ad alto rischio infettivo: attualità nella disinfezione ambientale per la prevenzione delle infezioni occupazionali. Agorà Odontoiatrica 2005;1:32
NSK. Pulizia e lubrificazione dei manipoli. Procedure operative
Orrù G. Valutazione dell'attività antimicrobica di un sistema decontaminante a base di perossido d'idrogeno. Il Dentista Moderno 2006;10:6
Pagnoncelli R. La sterilizzazione in odontoiatria. Il Dentista Moderno 2005;8:67
Regione Lazio. Uso corretto degli antisettici e dei disinfettanti.2004

Promozione della salute orale

Dalla prof.ssa Laura Strohmenger il bilancio del lavoro svolto al Gruppo tecnico
Fonte Odontoiatria33
Visitando il sito del Ministero della Salute, in queste settimane, la salute orale e l'odontoiatra ha una visibilità mai ottenuta. Sicuramente merito del lavoro svolto del Gruppo tecnico presso il Ministero della Salute. Sul sito trovano, infatti, spazio le indicazioni cliniche per formare una cultura della prevenzione gli studenti delle scuole superiori, le linee guida per trattare i pazienti affetti da Osas, e le raccomandazioni cliniche per la tutela della salute orale delle future mamme e dei nascituri. Su questo tema abbiamo sentito la prof.ssa Laura Strohmenger (nella foto), coordinatrice del gruppo di lavoro incaricato di redigere le raccomandazioni cliniche nonché professore ordinario di odontoiatria e protesi dentaria all'Università degli Studi di Milano e coordinatrice del Centro di collaborazione Oms di Milano.
Prof.ssa Strohmenger, il vostro lavoro come Gruppo tecnico sull'odontoiatria ha dimostrato che la salute orale e la salute generale sono "sinonimi". Anche il Ministero l'ha compreso?
Quando il gruppo tecnico è stato istituito, ormai molti anni fa, con una composizione molto equilibrata che conteneva i presidenti del Collegio docenti, in carica ed eletto, il Centro di collaborazione sull'odontoiatria di comunità, ANDI, AIO, SUMAI, CAO, alla luce del fatto che tale organismo era l'unico rappresentante dell'odontoiatria presso il Ministero della Salute, ci siamo sforzati di portare all'interno del Ministero un percorso culturale che fosse utile al resto della medicina onde poter rendere il prodotto del nostro lavoro da un alto essenziale e dall'altro rapidamente utilizzabile dalla Istituzione stessa.  Nel corso degli anni, direi che i nostri prodotti sono stati quasi tutti finalizzati ad inserire i principi scientifici e sanitari della salute orale nel contesto della salute generale del cittadino. Dall'utilizzo dei prodotti che le varie associazioni scientifiche ne hanno fatto ci sembra di poter dire che questo risultato è stato raggiunto.
Con le linee guida, indicazioni e raccomandazioni cliniche realizzate avete ribadito il ruolo "medico" del dentista. Può essere, questa, una delle novità del vostro lavoro?
I prodotti che lei indica sicuramente enfatizzano il ruolo medico del dentista, come peraltro deve essere se l'odontoiatra lavora tenendo conto della sua presenza nel SSN e nei vari SSR. La maggior parte della composizione del tavolo tecnico è da attribuire a personale che lavora, in alcuni casi anche esclusivamente, per le istituzioni sanitarie del Paese. Un'altra parte importante del tavolo tecnico rappresenta invece la libera professione che, non sempre per scelta, non ha avuto un accesso al SSN odontoiatrico che nel nostro Paese è molto modesto. Decidere quindi su quali argomenti lavorare all'interno del Ministero della Salute e a nome del Ministero stesso ci ha portato a decidere di affrontare quegli argomenti che dovevano e potevano essere utili al medico di medicina generale e al pediatra per inserire la metodologia della medicina di comunità anche nella nostra disciplina. Seguendo questo percorso metodologico e culturale, grande tempo è stato dedicato all'aspetto preventivo dell'odontostomatologia, lavorando con pediatri, infermieri, oncologi, ginecologi e pediatri. Una fetta di lavoro è stata dedicata ai malati oncologici che vedono la comparsa di importanti complicanze orali durane il loro iter terapeutico; su questo argomento la ricerca scientifica ha prodotto protocolli estremamente affidabili che enfatizzano l'aspetto medico dell'odontoiatra e lo fanno collaborare con la medicina dando grandi benefici al paziente durante le sue complesse e coinvolgenti terapie salvavita. Direi quindi che uno degli aspetti originali della nostra presenza al Ministero è proprio rappresentato da quello che lei dice.
Ma i dentisti sono consapevoli di questo ruolo di "dentisti sentinella"?
Spero di si, molti dentisti che mi circondano sono fortemente coinvolti in questa loro attività di sentinella, suggerisco a lei, che si occupa di giornalismo di settore, di documentare le opinioni dell'odontoiatria italiana su questo tema. Per quanto ci riguarda tutti i lavori prodotti vengono diffusi non solo nei Corsi di laurea di odontoiatria e igiene dentale, ma anche in tutti i consessi associativi e nei quali questi argomenti hanno una loro pertinenza.
Il lavoro che avete svolto è stato molto importante, ora il Gruppo ha terminato il suo mandato e deve essere rinominato. Cosa avete lasciato in sospeso. Su cosa dovrà lavorare il prossimo Gruppo tecnico se sarà nominato?
Auspicando che il gruppo tecnico venga rinnovato, i progetti proponibili e realizzabili sono ancora molti; ad esempio le raccomandazioni cliniche, che hanno rappresentato uno dei lavori più complessi e più utili, potrebbero essere aggiornati in linea con i tempi e da questo lavoro potrebbero scaturire una serie di altre linee guida e protocolli operativi finalizzare ad implementare i percorsi di comunità, che l'odontoiatria pubbliche e privata insieme potrebbero perseguire come obiettivi comuni.

TFR in busta paga, è l'ora della scelta.

TFR in busta paga, è l'ora della scelta.
Da marzo si potrà decidere se chiedere l'anticipo al datore di lavoro
Fonte Odontoiatria33
Dal primo marzo anche i collaboratori degli studi odontoiatrici e dei laboratori odontotecnici, come per gli altri dipendenti, potranno decidere di richiedere il Qu.I.R., ovvero la quota di del trattamento di fine rapporto maturata. La decisione se continuare ad accantonare il TFR nel proprio fondo pensione o ritirarlo subito in busta paga spetta esclusivamente al dipendente sapendo che la scelta risulterà irreversibile fino al 30 giugno 2018. Il dipendente che decide di chiedere, volontariamente, il Tfr in busta paga deve essere consapevole che almeno fino al 30 giugno 2018 non potrà più tornare sulla decisione presa e fino a quella data le future quote del Tfr non verranno, ovviamente, più accantonate ai fini della liquidazione o non verranno più destinate al finanziamento del fondo pensione per chi vi aderisce. La quota del Tfr che sarà trasferita in busta paga subirà la tassazione secondo le aliquote ordinarie Irpef, quindi, rispetto al regime fiscale agevolato del Tfr, l'operazione risulterà sconveniente per i redditi medio-alti (indicativamente per quelli sopra i 28 mila euro).  Da tenere anche in considerazione che il Tfr in busta paga inciderà sulle detrazioni per lavoro dipendente o familiari a carico, per esempio per le riduzioni delle mense scolastiche, gli assegni familiari e varierà il proprio reddito Isee, ma non verranno considerate nel computo del reddito complessivo per la concessione del bonus da 80 euro, né ai fini dell'imponibile previdenziale. Come fare per richiederlo. Il dipendente dovrà compilare il modulo Qu.I.R. e consegnarlo al proprio datore di lavoro. Il Tfr in busta paga sarà liquidato entro il terzo mese da quello della richiesta considerando che le aziende del settore dentale (studi, laboratori ed industrie) impiegano mediamente meno di 50 dipendenti. Per quelle con più di 50 dipendenti il Tfr sarà corrisposto già dal mese successivo alla richiesta.
La scelta di richiedere il Qu.I.R potrà essere fatta in qualsiasi momento a partire dal prossimo primo marzo fino al 30 giugno 2018, ricordandosi che una volta attivata la richiesta non si potrà più accantonare il proprio Tfr fino alla scadenza del periodo sperimentale indicato dal Governo, ovvero il 30 giugno 2018. Quanto si otterrà in più in busta paga? La cifra varia a seconda della retribuzione, in media per uno stipendio di 1.200 euro si avrà un incremento di 88 euro mensili lorde.
________

Malocclusione di classe 2/1

Presentazione del caso clinico
Video YT
__________________________________________
A cura di Dott. Balestro Francesca e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Arianna, Elena, Cristina e Giada

24 febbraio 2015

Odontoiatria legale

Odontoiatria Legale - Giurisprudenza
GiurisprudenzaQuaderni dello SDBA cura del Dott. Balestro Giuseppe. 2015
Il contenzioso in Odontoiatria. Quaderni dello SDB. A cura del Dott. Balestro Giuseppe. 2015
Odontoiatria legale. LGN - A cura del Dott. Balestro Giuseppe - 2015

Sindrome della faccia lunga. Correzione chirurgica

Surgical Correction of Long Face Syndrome
MolenOrthodontics
In situations where a patient displays a long face and a small chin a surgical approach offers a predictable result. The surgical procedure encompases both the upper and lower jaw. [Fonte: www.Molen Orthodontics.com] - To learn more, visit: www.MolenOrthodontics.com

Epatiti virali e pratica odontoiatrica

Epatiti virali - ODONTOFAD - 2015
Epatiti virali - Quaderni dello SDB - A cura di Perucchi Evelin RLS
Epatite virale B - Quaderni dello SDB - 2015
Epatite virale C - Quaderni dello SDB - 2015

23 febbraio 2015

Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale

Gravidanza e salute dentale,  I consigli del ministero della Salute
Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale
Riassunto
E-book
La prevenzione e la cura delle malattie orali prima e durante la gravidanza, quindi, migliora la qualità di vita della donna, diminuisce l’incidenza di malattie dentali nel bambino e ha il potenziale di promuovere una miglior salute orale anche nella vita adulta del nascituro. Le raccomandazioni. Per questo motivo il ministero della Salute ha realizzato un documento con le raccomandazioni da seguire in questo delicato periodo della vita della donna. Il testo, redatto da esperti odontoiatri, contiene una serie di indicazioni volte a contribuire al miglioramento della salute orale delle donne in gravidanza, a prevenire le malattie orali nei bambini piccoli, a diffondere informazioni accurate ed a garantire l’erogazione di appropriate cure odontoiatriche nelle gestanti. Il gruppo di studio ha sottolineato che la prevenzione e il trattamento delle gengiviti, delle parodontiti e della carie dentale prima, durante e dopo la gravidanza sono il modo migliore per ottimizzare la salute degli individui in età perinatale e della comunità.

Disordini Temporo-Mandibolari (DTM)

______________________________________________
Avvertire un «clic» della mandibola quando si mastica è un’evenienza molto più frequente di quanto si pensi, spesso accompagnata da altri disturbi, tutti a carico dell’articolazione temporo-mandibolare, quella che connette la mandibola al cranio e che entra in azione ogni volta che si apre la bocca per masticare o parlare. [continua]A. Sparvoli. Corriere.it - 27 gen 2015

Sorriso "gengivale"

In certain cases the upper jaw grows vertically more than is needed producing a "gummy smile". This can be corrected using a surgical procedure called maxillary impaction surgery.
Fonte: www.MolenOrthodontics.com - To learn more, visit: www.MolenOrthodontics.com

20 febbraio 2015

Infezioni odontogene

Diagnosi, evoluzione e complicanze

ECM/FAD 2015
Dental Cadmos 2015©



QUADERNI dello STUDIO DENTISTICO BALESTRO - 2015
A cura del Dr. Balestro Giuseppe

Correzione chirurgica del morso aperto anteriore

Surgical Correction of Open Bites
Fonte: www.MolenOrthodontics.com
In certain cases the front portion of the upper jaw grows up and away from the lower jaw creating an open bite. This can be corrected using a surgical procedure called maxillary impaction surgery.

19 febbraio 2015

Progetto Tutela della Maternità dello SDB


Accorciamento chirurgico della mandibola

Lower Jaw Set-Back Surgery
Fonte Molen Orthodontics
In cases of large or pronounced lower jaws that exceed the corrective abilities of simple rubber bands & braces lower jaw set-back surgery offers a predictable treatment option. We often recommend that the surgery be performed after a patient has completed their adolescent growth. Lower jaw set-back surgery is also known as bisagittal split osteotomy (BSSO) set-back surgery.

La rubrica dei lettori

I lettori ci scrivono

18 feb 2015Carissimi Andrea e Beppe. Rivedo la posta e l'ultimo tuo scritto risale al 12.02  con oggetto "dottor  Balestro". Cerco di rispondere comunicando che la sorpresa della donazione di altri 500 €. è arrivata come una notizia importante e gradita. ll motivo del ritardo nella mia risposta è che a te e al Dottor Balestro, devo rispondere con una risposta di "programma" e seppur la tengo nella mente, la sento ancora scomposta e per formularla devo meglio strutturarla. Si tratta di  riprendere quanto diceva Beppe  in uno dei suoi primi scritti di intercambio, che suggeriva di organizzare, attorno a te (Andrea), un gruppo, un comitato o semplicemente degli amici di persone sensibili che "sentano" la povertà  degli altri per averla provata così come ora scrive non dimentica le sue origini contadine (che sono anche le mie) che con poco si riesce a  fare molto. (continua) - Pietro Gamba Onlus
14 feb 2015 - Ciao Beppe, ho appena finito di leggere il materiale che mi hai fatto avere tramite Chiara. Sono ammiratissimo. Il piano di miglioramento è impressionante. Congratulazioni! Gp
14 feb 2015 - Ho scoperto il suo studio per caso e adesso non ho più il terrore di andare dal dentista!!!.....o quasi ...

18 febbraio 2015

Allergia al lattice


ODONTOFAD
Corso di aggiornamento FAD per dipendenti di studio

QUADERNI dello STUDIO DENTISTICO BALESTRO
A cura della Dr.ssa Peron Carla
2015

Lesioni trigeminali nella pratica odontoiatrica

leggi tutto

Chirurgia ortognatica combinata dei due mascellari

Chirurgia Ortognatica
Fonte ICE Health Systems

Rischio Chimico

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi