ORARI dello SDB
Orario continuato dalle 9 alle 17 tutti i giorni - Sabato orario 9-13
FORMAZIONE A DISTANZA - A cura della Dr.ssa Balestro Francesca
22 mag 2015 - Epatiti virali - 02
LAVORA CON NOI
Inviaci il tuo CV compilando i form

23 maggio 2015

Affollamento dentale

Fab. Francesca - 20 anni
Presentazione del caso clinico
Video YT
__________________________________________
A cura di Dr.ssa Balestro Francesca, Dott. Balestro Giuseppe e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Elena, Giada

22 maggio 2015

RWFL

Donne, mamme e lavoratrici è il traguardo che tutte le donne vorrebbero raggiungere. Ma uno dei dati interessanti è che il 95% delle donne è convinta che la maternità è stata utile anche per lo sviluppo su delle capacità utili sul posto di lavoro. Tra cui motivare gli altri, maggiore elasticità e un livello superiore di fiducia. Nella realtà lavorativa però le donne si sono rese conto che la maternità ha in qualche modo ostacolato la carriera. Infatti per il 45% delle donne i figli hanno ostacolato lo sviluppo della carriera. L'8% pensa che la maternità abbia limitato in grande misura la loro carriera. Il 29% delle donne hanno aspetto ad avere figli per proseguire senza problematiche la propria carriera e addirittura per il 10% hanno rinunciato ad avere dei figli. Purtroppo i limiti per le donne con figli nella carriera professionale sono ancora alti è infatti solo il 15% delle donne ha posizioni dirigenziali all'interno di un'azienda, ed anche questa piccola percentuale di donne ha comunque un salario diverso degli uomini, guadagnando il 25% in meno rispetto agli uomini che ricoprono la stessa posizione. [Fonte Manageronline]

Salute orale e salute dell'organismo


Ultimamente si parla sempre di più di una possibile correlazione tra lo stato di salute orale e altre patologie sistemiche, quali ad esempio le malattie cardiovascolari, il diabete, le malattie all'apparato respiratorio, digerente e le complicanze legate alla gravidanza. Più nello specifico sono i meccanismi infiammatori cronici coinvolti nella malattia parodontale e i batteri che li sostengono ad essere pericolosi per la salute generale dei pazienti, rendendo la parodontite un vero e proprio fattore di rischio per lo sviluppo di malattie sistemiche. Inoltre certe malattie sistemiche possono avere un grosso impatto sulla salute orale. Di conseguenza, una corretta igiene orale risulta fondamentale non solo per prevenire o curare le malattie della cavità orale, ma anche per migliorare lo stato di salute di tutto il corpo. Nel numero di maggio 2015 è stato pubblicato su Plos One uno studio di coorte riguardante 24.313 tedeschi di mezza età seguiti per 13 anni. Sono stati registrati al tempo 0 dati circa età, sesso, numero di denti in arcata, istruzione, lavoro, attività fisica, assunzione di alcool , fumo, farmaci cronici quali antibiotici, antidolorifici, vitamine, ed è stata poi registrata l'incidenza di patologie quali ipertensione, diabete mellitico di tipo 2, infarto miocardico, ictus, parodontite e cancro per tutto il periodo di follow-up. I risultati ottenuti dallo studio sono stati i seguenti: il numero di denti è risultato inversamente proporzionale al rischio di infarto miocardico.  I partecipanti con 18-23 denti in arcata e quelli senza denti hanno il 76% di rischio più elevato di infarto miocardico rispetto ai pazienti con quasi tutti i denti (28- 32 denti). La cura dei denti e della cavità orale in generale è correlata alla salute generale. Patologie sistemiche possono predisporre a patologie orali cosi come patologie orali possono predisporre a malattie sistemiche. Questo studio di Coorte è l'ulteriore conferma in letteratura che vi è una stretta correlazione tra la malattia parodontale e patologie cardiovascolari come l'infarto miocardico. Per questo motivo sempre più necessaria è l'attività multidisciplinare tra odontoiatrica e medici generici e specialisti. [Fonte Odontoiatria33]
Bibliografia
PLoS One. 2015 May 6;10(5) Association between Number of Teeth and Chronic Systemic Diseases: A Cohort Study Followed for 13 Years. Autori: Oluwagbemigun K, Dietrich T, Pischon N, Bergmann M, Boeing H.

21 maggio 2015

Acido folico, un concentrato di protezione per il figlio che verrà

Tutela la salute del tuo bambino prima ancora del suo concepimento con l'acido folico. Questo il messaggio chiave del video sulla prevenzione di alcune malformazioni congenite, realizzato a cura dell'Ufficio Stampa dell'ISS in collaborazione con il Centro Nazionale Malattie Rare per spiegare alle future mamme come, quando e perché prendere l'acido folico

LPS - Acido folico in gravidanza

Immagine di una donna che mangia verdura
Acido folico e folati sono vitamine del gruppo B, note anche con il nome di vitamina B9. La parola deriva dal latino folium, foglia. Fu l’americano Mitchell, negli anni '40, il primo ad usare il termine "acido folico" per indicare sostanze estratte da foglie di spinaci rivelatesi efficaci contro alcuni tipi di anemia. È importante distinguere tra acido folico e folati. Questi ultimi sono composti naturalmente presenti negli alimenti, mentre l'acido folico è la molecola di sintesi presente nei supplementi vitaminici e negli alimenti arricchiti con queste vitamine. I folati devono essere necessariamente introdotti attraverso l’alimentazione, in quanto il nostro organismo li produce sono in quantità molto limitate. L'acido folico e i folati sono coinvolti nella sintesi di molecole importanti come il DNA, l’RNA e le proteine. Sono essenziali, quindi, per tutte quelle cellule che nel nostro organismo vanno incontro a processi di differenziazione e rapida proliferazione, come ad esempio le cellule del sangue e della pelle e sono particolarmente importanti durante la formazione dell’embrione, quando si sviluppano e si differenziano i primi abbozzi degli organi. Una carenza di queste vitamine può determinare forme di anemia e aumentare il rischio di gravi malformazioni fetali, come i difetti del tubo neurale (tra cui spina bifida, anencefalia e encefalocele) ed altre malformazioni, in particolare alcune difetti congeniti cardiovascolari, malformazioni delle labbra e del palato (LPS - labiopalatoschisi), difetti del tratto urinario e di riduzione degli arti. Secondo il sistema di sorveglianza europeo delle anomalie congenite EUROCAT (European surveillance of congenital anomalies) ci sono, in media, 20 casi di malformazioni congenite ogni 1.000 nati. Un’alimentazione ricca in frutta, verdura e legumi, contenenti folati, può contribuire a ridurre l’incidenza delle malformazioni congenite, ma la sola alimentazione non è sempre sufficiente a coprire il fabbisogno quotidiano in folati e, se si programma una gravidanza, è necessario integrare la dieta con compresse di acido folico. Numerosi studi hanno dimostrato che un’adeguata assunzione di acido folico è efficace nella prevenzione primaria dei difetti del tubo neurale e di altre malformazioni congenite permettendo una riduzione del rischio fino al 70%.
Si raccomanda che...
Le donne che programmano una gravidanza o che non ne escludono attivamente la possibilità, assumano regolarmente almeno 0,4 mg al giorno di acido folico per ridurre il rischio di difetti congeniti. È fondamentale che l’assunzione inizi almeno un mese prima del concepimento e continui per tutto il primo trimestre di gravidanza [leggi tutto]
______________
Per approfondire

RLS

2015 - Perucchi Evelin. RLS dello SDB. Rielezione (annuale). Ricordiamo che il D. Lgs. 81/08 prevede l’obbligo di comunicare in via telematica all’INAIL i nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). L’obbligo di comunicazione scatta in occasione di prima elezione o designazione dell’RLS e, come stabilito dall’INAIL, deve essere effettuata entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di designazione. Per chi avesse già comunicato all’INAIL il nominativo dell’RLS designato, la situazione si ritiene immutata, salvo nuova designazione. Anche la nomina degli RLST (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali) deve essere comunicata all’INAIL entro il 31 marzo dell’anno successivo alla data di designazione. Per ulteriori informazioni è a disposizione l'Ufficio Sicurezza. 
2013 - 2° Corso RLS online - 32 ore 
2010 - 1° Corso RLS online - 32 ore
_____________________________________

Canino incluso

Pen. Nicolò - 13 anni
Affollamento dentale
Amelogenesi imperfetta
Linea mediana deviata
Terapia ortodontica fissa - 34 mesi di cura
Presentazione del caso clinico
Video YT
__________________________________________
A cura di Dr.ssa Balestro Francesca, Dott. Balestro Giuseppe e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Elena, Giada

20 maggio 2015

Celiachia e manifestazioni orali

La celiachia è una malattia genetica che provoca l’appiattimento e/o la scomparsa dei villi dell’intestino tenue con l’assunzione di glutine. Il glutine è una miscela di proteine presente in molti cereali (frumento, orzo, farro, kamut, ecc.). Eliminandolo dalla dieta permette al celiaco di condurre una vita in salute. La sintomatologia è molto varia. I più caratteristici sintomi sono vomito, diarrea, mal di testa, meteorismo e anemia resistente alla terapia con ferro. Molto spesso si possono manifestare segni a livello del cavo orale come afte e difetti dello smalto. Le afte sono erosioni rotonde della mucosa della bocca molto dolorose soprattutto quando si entra in contatto con cibi e bevande acide. I difetti dello smalto si possono presentare come macchie singole o multiple di colore bianco, marrone o crema, oppure come superfici ruvide. In alcuni casi nei bambini si può avere anche un ritardo nell’eruzione dei denti, dolore e bruciore della lingua con presenza di zone arrossate o biancastre. Tutti questi aspetti si possono riscontrare in soggetti sani e quindi la diagnosi di celiachia deve essere supportata ovviamente da ulteriori indagini cliniche.[Fonte]

______________________________________________________
Oral aspects in celiac disease children: clinical and dental enamel chemical evaluation. de Carvalho FK,de Queiroz AM, Bezerra da Silva RA, Sawamura R, Bachmann L, Bezerra da Silva LA, Nelson-Filho P. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol. 2015 Jun;119(6):636-43.

Guida per i pazienti degli studi odontoiatrici

Ministero della Salute
IO E IL MIO DENTISTA COLLABORIAMO PER LA MIA SICUREZZA
(Scarica la guida in formato PDF)

Adempimenti dello Studio Odontoiatrico

SDB - Adempimenti dello Studio Odontoiatrico

18 maggio 2015

Agenesie multiple

Vaj. Giacomo - 15 anni
Guarda la Presentazione del caso clinico
__________________________________________
A cura di Dr.ssa Balestro Francesca, Dott. Balestro Giuseppe e Dott. Volpato Andrea
ASO Steffy, Alessia, Antonella, Elena, Giada

Gas fluorurati

GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA: ATTENZIONE ALLA SCADENZA DEL 31 MAGGIO
Per le apparecchiature e/o impianti fissi di refrigerazione, condizionamento d'aria, pompe di calore, sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra deve essere presentata al Ministero dell'Ambiente entro il 31 maggio di ogni anno una dichiarazione contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relative all'anno precedente; si tratta delle stesse apparecchiature per le quali è previsto l'obbligo di tenuta di un apposito registro. Il Ministero dell'Ambiente ha reso disponibile il formato della dichiarazione contenente le informazioni riguardanti le quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati. La dichiarazione dovrà essere trasmessa ad ISPRA in formato elettronico. Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Ambiente di Confcommercio Vicenza (tel. 0444/964300). [leggi tutto]

17 maggio 2015