Ricerca

Lo Studio Dentistico Balestro srl cerca per collaborazione seria e continuativa le seguenti figure professionali

  • Odontoiatra neolaureata/o o con esperienza in ambito pedodonzia, conservativa, endodonzia, piccola chirurgia, parodontologia non chirurgica, protesi fissa

  • Igienista Dentale neolaureata/o o con esperienza in ambito igiene orale e profilassi, parodontologia non chirurgica

Se interessati, inviare CV a giuseppebalestro@studiobalestro.com

09 dicembre 2014

Linee guida sull'igiene orale nei bambini

Sulla sua rivista ufficiale, Pediatrics, l'American academy of pediatrics (Aap) ha pubblicato le linee guida sull'igiene orale dei bambini. "Dato che i più piccoli vedono il dentista meno di quanto vedano il pediatra, è importante che quest'ultimo sia informato circa i meccanismi che portano alla carie, su come prevenirla, e su quali interventi servano a mantenere la salute orale dei suoi giovani assistiti", esordisce David Krol odontoiatra alla Robert Wood Johnson foundation di Princeton, New Jersey, e presidente del Comitato esecutivo Aap sulla salute orale. "La prevenzione della carie richiede un approccio globale, che include la valutazione precoce del rischio da parte del medico e un'adeguata sorveglianza della famiglia" continua l'esperto, spiegando che il modo migliore di prevenire le carie nei bambini è quello di concentrarsi sui principali fattori di rischio tra cui la dieta e l'igiene orale. A questo proposito le linee guida raccomandano ai pediatri di informare i genitori sull'importanza di allattare, se possibile, i neonati al seno nei primi sei mesi dal parto, ma anche di ridurre l'esposizione ad alimenti e bevande zuccherate, e di evitare le bibite gassate. "I bambini andrebbero incoraggiati a bere solo acqua tra i pasti, preferibilmente quella fluorata del rubinetto" riprende Krol, sottolineando inoltre la grande importanza di una corretta igiene orale. A questo proposito l'Aap raccomanda di spazzolare i denti del bambino, non appena erompono dalle gengive, per almeno due volte al giorno usando un tamponcino e una piccola quantità di dentifricio al fluoro, da aumentare con l'età. L'uso corretto dello spazzolino è da insegnare più tardi, fino a che il bambino, all'età di otto anni circa, non sarà in grado di usarlo da solo. Infine, l'Aap prende posizione sul ciuccio o il dito in bocca. "Se durano oltre il terzo anno di vita, entrambe le abitudini potranno causare problemi alle strutture dentali. E in questo caso è opportuno il parere di un dentista" conclude il ricercatore. [Fonte Odontoiatria33 - 05 dic 2014]

Nessun commento:

Posta un commento