14 luglio 2019

Gravidanza e Odontoiatria

Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale
Quali sono i rischi nell’effettuare cure alle partorienti?
In generale l’effetto più negativo dei farmaci si può esplicare sull’embrione e sul feto nel primo trimestre, durante l’embriogenesi e l’organogenesi. E' possibile però l’interferenza di alcuni farmaci, prevalentemente per l’odontoiatra antibiotici, antinfiammatori e anestetici anche nel secondo e terzo trimestre”. Sul tema degli anestetici locali, FDA considera quelli più sicuri in gravidanza (in classe B) la prilocaina e la lidocaina che però sono oramai poco usati mentre i quelli più usati, bupivacaina e mepivacaina, sarebbero in classe C. Tutte le linee guida e raccomandazioni ufficiali (American Dental Association, e le altre) ne consentono l’utilizzo, ovviamente se indicati e entro i dosaggi consigliati. Bisognerebbe sempre considerare, prima di intraprendere terapie, che nel caso di patologia acuta infettiva o che è causa di algia intrattabile vanno considerate
  • stato di salute della gravidanza
  • anamnesi
  • consultazione telefonica dell'ostetrico-ginecologo
Tabelle con le indicazioni del Ministero della Salute su terapie e farmaci da utilizzare
Fonte Odontoiatria33 - 04 lug 2019

Nessun commento:

Posta un commento