29 giugno 2018

Ipertensione. Cosa fare in ambito odontoiatrico

Nuove linee guida emanate nel 2017
L'ipertensione arteriosa è una condizione caratterizzata dall'elevata pressione del sangue nelle arterie; interessa circa il 30% della popolazione adulta di entrambi i sessi e, nelle donne, è più frequente dopo la menopausa. L’ipertensione è considerata un fattore di rischio, ovvero una condizione che aumenta la probabilità che si verifichino altre patologie cardiovascolari quali ictus, insufficienza cardiaca, disfunzione renale cronica Detta in modo non scientifico: un silent killer che colpisce senza avvertire. Una volta individuata, deve essere curata per prevenire i danni di cui sopra. Conoscere la situazione pressoria del paziente è importante anche per l’odontoiatra, soprattutto se si devono eseguire trattamenti chirurgici o nei casi in cui si debba somministrare anestesia con adrenalina in quantità superiori al normale. Spesso il paziente è inconsapevole del suo stato ipertensivo e nei colloqui che devono sempre precedere la terapia un’analisi di questo fattore di rischio va effettuata, magari misurando noi stessi la pressione al paziente. [continua]

Nessun commento:

Posta un commento